L’azienda per funzionare correttamente deve curare gli interessi dei manager, deve garantire la sicurezza dei prodotti che realizza, la tutela dell’ambiente, la stabilità dei posti di lavoro, il mantenimento dell’occupazione e deve assumere comportamenti leali con i fornitori (ad esempio deve rispettare la scadenze).

Cosa sono gli stakeholder

Gli stakeholder sono soggetti che hanno interesse nei confronti dell’azienda. Per questo motivo è importante studiare gli stakeholder nella fase di pianificazione strategica dell’azienda. Studiandoli attentamente è possibile scoprire se da essi si possono ottenere supporto o vincoli alle azioni dell’impresa.

Ogni azienda ha una propria platea di stakeholder di riferimento alcuni più importanti e altri meno importanti. Essi, in base ai loro comportamenti, ne condizionano la mission dell’azienda.

La teoria degli stakeholder la si deve a Freeman. In origine il termine stakeholder riguardava solo figure interne alle aziende che potevano vantare un interesse diretto rispetto alle attività dell’azienda. Poi questo concetto si è ampliato fino a comprendere gruppi di soggetti.

Qualche esempio di stakeholder? Gli stakeholder possono essere anche esterni come ad esempio i fornitori che hanno interesse alla durata dell’azienda perché questo significa nuove forniture e pagamenti nei tempi stabiliti. Gli stakeholder sono anche gli azionisti che hanno interesse ad avere un guadagno sull’investimento effettuato.

Tipologia di stakeholder

È importante per l’azienda classificare gli stakeholder: stakeholder primari e secondari.

Stakeholder primari

Gli stakeholder primari sono soggetti essenziali alla sopravvivenza dell’impresa, soggetti con i quali l’azienda ha dei precisi rapporti su base contrattuale: il proprietario, i dipendenti, i clienti (perché c’è in atto un contratto di vendita, pensare ad esempio alla garanzia di prodotti), fornitori.

In alcuni casi anche il governo è considerato primario (anche se un vero e proprio contratto non c’è) perché attraverso le sue strategie di investimento fornisce ad esempio le infrastrutture tecnologiche e le infrastrutture per trasporto merci.

Stakeholder secondari

Gli stakeholder secondari sono tutti gli altri gruppi di soggetti che non hanno una relazione contrattuale diretta, sono comunque soggetti che con i loro comportamenti possono influenzare le azioni dell’azienda, come ad esempio i sindacati, i media, la tv e i social. Basti pensare ad esempio il fenomeno dell’influencer marketing. Gli influencer, quindi, sono dei nuovi stakeholder per le aziende.

Perchè è importante analizzare gli stakeholder per un’azienda

Per un’azienda individuare quelli che sono gli stakeholder è strategicamente rilevante. Si può fare un’ulteriore distinzione tra stakeholder amichevoli (chi supporta l’azienda), con cui bisogna utilizzare strategie di coinvolgimento e stakeholder ostili (chi crea disagi all’azienda) bisogna usare strategie di ascolto per capire a cosa sono dovute le lamentale.

Ci sono poi stakeholder non rilevanti per l’azienda per i quali si decide di adottare delle strategie di abbandono. L’azienda deve rispettare le aspettative di tutti gli stakeholder.