Fra le fotocamere compatte più interessanti sul mercato, troviamo la Canon EOS M10. Nonostante sia stata progettata qualche anno fa, continua ancora ad oggi a rappresentare un concreto punto di riferimento per professionisti ed appassionati del settore. Sarà le per sue caratteristiche funzionali, o semplicemente per la praticità operativa che mostra durante le attività fotografiche.

Curiosi di scoprirla a tutto tondo, abbiamo deciso di strutturare questa recensione Canon EOS M10 completa, adatta ad ogni tipologia di lettore. Che tu sia un fotografo professionista, o semplicemente un utente alle prime armi, al termine della guida riuscirai ad ottenere tutte le informazioni più importanti, in modo da capire se la stessa fotocamera faccia o meno al caso tuo. Iniziamo subito.

Recensione Canon EOS M10: sensore ed autofocus

Una delle principali caratteristiche da poter esaminare su una qualsiasi tipologia di fotocamera, riguarda il sensore. A tal riguardo, la Canon EOS M10 monta un ottimo CMOS APS-C da ben 18 Megapixel. Lo stesso sensore può essere ad oggi individuato all’interno di numerose altre macchine fotografiche di fascia media della stessa casa produttrice. Da tenere a mente, infatti, che lo stesso sensore risulta inserito all’interno di un dispositivo compatto e ridotto rispetto alle tradizionali reflex.

Il sensore citato lavora in stretta associazione con uno dei motori più efficienti sul mercato, ossia il DIGIC 6. Lo scostamento ISO, secondo le informazioni riportate dallo stesso produttore, parte da un minimo di 100, fino ad arrivare ad un massimo di 12.800. Ulteriore caratteristica degna di nota è l’autofocus, che nonostante non possa essere paragonato con quello di potenti macchine fotografiche, rappresenta ugualmente un ottimo compromesso, soprattutto per riprese statiche e non in movimento.

Per questo scopo, la Canon EOS M10 integra un motore Hybrid CMOS II AF a 49 punti di fase. L’obiettivo, in associazione alle lenti ed alle tecnologie interne, permette anche di registrare filmati chiari, in Full HD a 1080p (30 FPS). In linea generale, sia le immagini che i video risultato qualitativamente eccelsi, permettendo all’utente di svolgere sia attività professionali che nel quotidiano.

Recensione Canon EOS M10: autonomia e funzionalità

Continuando con la recensione della Canon EOS M10, è ora possibile ricordare alcune specifiche tecniche e funzionali. Partendo dall’autonomia, la fotocamera è dotata di una batteria di nuova generazione, da 875 mAh. La stessa, senza troppe pretese, permette di effettuare tranquillamente 200/250 scatti durante la giornata. Valore che, tuttavia, risulta un po’ basso in caso di utilizzo professionale.

Passando alle funzionalità, la gestione delle impostazioni può essere controllata in modo semplice attraverso il pannello di controllo ed i tasti presenti sulla scocca. Fra questi ricordiamo la tradizionale e tipica levetta di accensione e di spegnimento, individuabile vicino la ghiera. La ghiera, a sua volta, permette di selezionare diverse tipologie di scatto, come ad esempio P, S, A, M, iA, C ed altro ancora. Nella parte posteriore, ossia antitetica all’obiettivo, troviamo il monitor, che non è touchscreen, ma necessita degli appositi tasti laterali per poter controllare le diverse impostazioni in totale autonomia.

Categorie: Fotocamere