Uno dei parametri valutativi più importanti, da tenere a mente nella scelta del proprio monitor, è rappresentato dal pannello. Stiamo parlando del display, sul quale verranno successivamente proiettate le immagini ed in filmati di proprio interesse. Ad oggi, è possibile constatare sul mercato la presenza di diverse tipologie di pannelli. Ognuno dispone di proprie caratteristiche, mostrandosi a sua volta adatto per specifiche attività. Entrando nel dettaglio, è bene tenere a mente 3 diverse categorie:

  • IPS (approfondita nel dettaglio nel corso della nostra guida)
  • VA (ossia vertical Alignment)
  • TN (ossia Twisted Nematic)

Il pannello IPS rappresenta uno dei modelli più montati all’interno dei monitor. Tutto ciò per le sue ottime prestazioni e qualità visive. Prima di procedere con la visione delle principali caratteristiche, è bene soffermarsi sulla denominazione. La sigla IPS sta letteralmente per In-Plane Switches, ossia una tipologia presente sul mercato dal finire degli anni 90. Ha rappresentato per molto tempo una delle principali scelte nel settore, permettendo di rivoluzionarlo rispetto al passato.

Partendo dai principali punti di forza, la prima caratteristiche degna di nota riguarda la perfetta visione dei colori. Rispetto ad altre tipologie, che permettono di ottenere solamente neri intensi, i pannelli IPS garantiscono la visione di tutto lo spettro cromatico in modo ottimale, anche in caso di scarsa luminosità. In altri termini, lo spettatore avrà la possibilità di distinguere più colori durante la visione, ottenendo immagini e video molto più realistici.

Il mantenimento dei colori viene garantito anche variando leggermente i gradi del campo visivo. In altri termini, spostandosi lateralmente rispetto allo schermo, le differenze cromatiche rispetto alla visione in linea retta non risulteranno poi così variate. Le stesse caratteristiche fanno in modo che  il pannello IPS risulti un’ottima scelta per schermi utilizzati da designer, grafici, professionisti del video editing ed attività similari, che richiedono la visione di colori impeccabili sotto ogni punto di vista.

Passando ai maggiori punti di debolezza, è possibile in primo luogo ricordare i costi più elevati rispetto ad altre tipologie di pannelli, come ad esempio quelli TN, considerati a loro volta più economici. Un secondo punto di debolezza è invece dato da una maggiore lentezza sull’attesa di risposta. Non tutti i pannelli IPS risultano uguali. Ogni costruttore dispone di pannelli con piccole differenze, montati sui dispositivi prodotti. Fra le compagnie più conosciute, che integrano all’interno dei propri dispositivi pannelli IPS, troviamo Samsung, LG e molti altri brand.