Con il passaggio dalle connessioni tradizionali alla fibra ottica, sempre più persone sono alla ricerca dei filtri VDSL. Vediamo di capire nel dettaglio di cosa si tratta, cosa li distingue dai più tradizionali filtri ADSL e come scegliere quello più adatto alle proprie esigenze e necessità.

Cos’è l’ADSL e il VDSL

Acronimo di Very-high-bit-rate digital subscriber line, la tecnologia VDSL ha rivoluzionato il modo di ottenere il segnale di navigazione nelle proprie abitazioni e quindi sui propri dispositivi. È una connessione che sta lentamente cercando di sostituire la più nota e presente connessione ADSL.

La stessa è ormai diventata molto lenta, anche se modificare l’assetto nazionale per il progredire della VDSL richiederà diversi anni. Questo perché la connessione VDSL funziona molto bene nelle brevi distanze, garantendo un trasferimento dati di 12 Mbit al secondo in upload e tra i 26 e i 52 Mbit/s in download.

Filtri VDSL

Al pari di un filtro ADSL, anche i filtri VDSL vengono utilizzati per migliorare la ricezione del segnale ed il collegamento in rete.

Questo perché permettono di dividere essenzialmente il collegamento del telefono con quello di Internet, eliminando tutti i problemi più comuni di una connessione instabile, o di una minore velocità in fase di caricamento, di download e così via. Valuta in ogni caso la tipologia di fibra che hai a disposizione ed il contratto telefonico in tuo possesso. Opta inoltre solo su filtri VDSL che:

  • sono costruiti con materiali di alta qualità;
  • sono facili da installare;
  • garantiscono un collegamento efficiente, grazie alla loro struttura interna;
  • sono adattabili alle prese in tuo possesso.

Puoi acquistare i migliori filtri VDSL anche su e-commerce professionali, del calibro di Amazon, con un costo approssimativo da 10 euro in su, sulla base della tipologia e dei materiali di costruzione.

Categorie: Internet