Quando si possiede un PC, la tentazione di modificare qualche parametro migliorando le sue prestazioni può essere irresistibile. Ad alimentare ciò sono anche i numerosi tutorial e guide online che forniscono indicazioni dettagliate e precise su come eseguire una moltitudine di operazioni nel proprio dispositivo.

Il problema è che quando si decide di cimentarsi in queste modifiche bisogna tener sempre conto della propria inesperienza nel campo. Può succedere, infatti, di peggiorare la situazione e rendere necessario resettare il bios del nostro computer.

Cos’è il bios in due parole

Dopo aver messo mano al tuo PC per renderlo più efficiente, hai provato ad accenderlo, ma pare che la situazione sia peggiorata. Cercando la soluzione nei diversi forum avrai letto spesso l’espressione “resettare BIOS” e ti sarai chiesto come. Prima di tutto vediamo cosa indica l’acronimo, che sta per Basic Input/Output System, ovvero il software che gestisce l’avvio del sistema operativo, qualunque esso sia, facendo prima di tutto un’analisi sulle varie componenti hardware. Se non si rileverà niente di anomalo, in pochi istanti si vedrà il caricamento dello stesso sistema operativo.

Come resettare bios

Resettare il bios vuol dire riportarlo alle impostazioni di fabbrica, una soluzione adottata in extremis che potrebbe risolvere eventuali problematiche di caricamento del sistema operativo.

Si può procedere in diversi modi, in base al tipo di dispositivo: se hai un Mac, tuttavia, sappi che queste operazioni non ti saranno possibili, in quanto la Apple non consente agli utenti di accedere liberamente ai pannelli di configurazione EFI.

Dalle impostazioni

Posto che il tuo PC non si carica, per questa operazione dovrai comunque premere il tasto di accensione e successivamente e ripetutamente il tasto Canc o in alternativa F2/F8/F10, in relazione alle impostazioni dello stesso computer, tenendo conto che il lasso di tempo per poterlo fare è davvero molto breve.

Si aprirà un menù, che nei pc di vecchia generazione si gestisce da tastiera: in basso a destra viene indicato come ripristinare attraverso la dicitura Setup Defaults, alla quale poi segue la richiesta di conferma.

Per quanto riguarda i nuovi sistemi operativi – come Windows 10 – sarà presente l’evoluzione del bios, chiamata UEFI, molto più semplice da utilizzare, ma soprattutto più intuitiva.

In modo meccanico

Se la procedura sopra indicata non dovesse funzionare, si potrebbe procedere in maniera meccanica, smantellando il computer per raggiungere la componente che riguarda il bios. Per fare ciò si consiglia di seguire il manuale utente, soprattutto se si tratta di un laptop oppure di un all-in-one, perché nel caso di un PC a torre sarà sufficiente svitare le viti del case.

A questo punto avrai di fronte una serie di chip e dovrai individuare il ponticello di plastica, solitamente blu o giallo, posizionato nelle vicinanze di una batteria rotonda. Sollevalo e reinseriscilo cambiando i pin su cui è posizionato. Ora bisogna tenere premuto il tasto di accensione per 10 secondi, attenderne altri 30 e riposizionare il ponticello nei pin precedenti. Il bios dovrebbe essere resettato.

In alternativa, puoi estrarre e reinserire la batteria rotonda nelle vicinanze.

Categorie: Informatica